Roberto Maroni

Nato a Varese, 53 anni, leghista dal 1990 in seguito all’incontro con Umberto Bossi. Deputato nel 1992. Nel primo governo Berlusconi (1994) è stato vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno. Quando la Lega ha fatto il «ribaltone», Maroni - in dissenso - ha rischiato lo strappo con il Carroccio. A febbraio del 1995, al congresso del partito, è accolto da fischi e contestazioni. Ma poi il legame con Bossi si rinsalda. E la Lega rientra nei ranghi del centrodestra. Nei governi Berlusconi II e III è stato ministro del Welfare. Rieletto deputato nel 2006, è stato capogruppo del Carroccio alla Camera. È stato rieletto anche alle ultime politiche. Tifosissimo del Milan, appassionato di musica, suona il sax.