Robinho Scappa dal City «Sì, ma Kakà non c’entra»

Kakà non arriva e Robinho fa le bizze. Il City ha fallito l’assalto alla stella del Milan e ora deve fare i conti con il malumore del proprio asso brasiliano che ha lasciato il ritiro di Tenerife gettando nel panico la dirigenza. «So per certo che Robinho non è al centro tecnico di Tenerife. Se ha lasciato il ritiro, ha violato il codice di disciplina del club. Attendo un resoconto completo sull’accaduto», ha dichiarato alla BBC il direttore generale Garry Cook. Robinho si era schierato in prima persona per portare Kakà al City e la tesi che fosse scappato in Brasile ha preso subito largo. Quando poi si è saputo che c’era stata una lite con Mark Hughes che gli aveva impedito di fare ritorno in patria per festeggiare i suoi 25 anni, i timori sembravano proprio più che fondati. Invece è stato lo stesso Robinho a spiegare il mistero: «Ho messo a conoscenza il Manchester City che avevo bisogno di tornare in Brasile per motivi di famiglia. Tornerò e spero di risolvere presto questa situazione. Kakà è uno dei miei migliori amici e sarebbe stato bello vederlo al City. Ma questa faccenda non ha niente a che fare con la sua decisione di restare al Milan».