Rocca «Che abuso, tre violazioni in una: alla libertà personale di studio, e di parola»

«Se questi sono i sistemi con cui i contestatori stanno organizzando la protesta non mi pare che siano un modello di democrazia e libertà». Roberto Rocca è un giovane esponente milanese di Forza Italia. È indignato per il caso del Bottoni: «Le libertà di quei ragazzi sono state lese tre volte: il diritto di studiare, quello di parlare per esporre le proprie ragioni, e infine, se possibile più grave di tutte è la violazione della libertà personale. Quei ragazzi volevano fare lezione, o andare a casa, e sono stati fisicamente costretti in quella palestra». La vicenda pone anche un problema di credibilità della protesta: «Alcuni ragazzi hanno il coraggio e la maturità di opporsi, ma gli altri? Conosciamo le dinamiche dei gruppi di giovani. Una tale esasperazione è in grado di intimidire molti studenti».