Rocchi, fiato sospeso Oggi la visita decisiva

Se la punta infortunata a Pechino dovesse restar fuori a lungo la società tornerebbe sul mercato: Crespo o Bogdani le ipotesi

Chi va e chi viene in casa Lazio. I biancocelesti, che ieri nel tardo pomeriggio si sono allenati a Formello, stanno per perdere cinque giocatori che nei prossimi giorni raggiungeranno le rispettive nazionali per la prima data di amichevoli del calendario internazionale: il più trepidante è Juan Pablo Carrizo, che mercoledì prossimo per la prima volta a Minsk dovrebbe partire titolare nella sfida che la nazionale argentina affronta contro la Bielorussia. L’occasione per far traballare il trono di Abbondanzieri, titolare finora inamovibile. Gli altri nazionali in partenza sono Radu (Romania), Rozehnal (Repubblica Ceca), Lichsteiner (Svizzera) e Pandev (Macedonia). Tornano invece da Pechino il serbo Kolarov e gli azzurri De Silvestri e Rocchi. Tutti con la coda fra le gambe e quest’ultimo anche con un serio infortunio alla testa del perone della gamba destra. Oggi le visite per comprendere l’effettiva entità dell’infortunio e predisporre il piano di recupero. In caso di una lunga assenza prevista della punta veneziana, la Lazio potrebbe vedersi costretta a tornare sul mercato per cercare un attaccante per la prima parte della stagione.
Nel caso così fosse, i biancocelesti dovrebbero trovare un attaccante esperto e umile, che garantisse qualche gol ma fosse disposto a farsi da parte al ritorno in campo di Rocchi. E visto che soldi nelle casse della Lazio ce ne sono pochi, la scelta è limitata. Piace l’albanese Erjon Bogdani, che non entusiasma i tifosi ma è abbordabile da un punto di vista economico. Certamente molto di più di Hernan Crespo, eventuale cavallo di ritorno che all’Inter sembra avere poco spazio ma per il cui ingaggio la società milanese dovrebbe collaborare con i biancocelesti. Siamo ancora sull’improbabile. La cosa certa è che Rossi sta studiando anche una soluzione interna: certo, l’argentino Zarate è tutto da verificare contro difese munite come quelle che bazzicano la serie A italiana; e quanto al nigeriano Makinwa, è reduce da un grave infortunio e comunque anche da una stagione da dimenticare e non dà troppe garanzie. L’unica certezza è Pandev, che però punta centrale non è.
E a proposito di mercato, la Lazio lavora anche sul fronte delle uscite. La rosa è numericamente troppo ricca e c’è più di un giocatore da piazzare. L’elenco è presto fatto: Mutarelli, Simone Inzaghi, Baronio (che qualche giornno fa è diventato papà per la seconda volta), Belleri, Stendardo, Quadri, Berni.
E intanto, si avvicina il primo impegno ufficiale dei biancocelesti. Sabato prossimo la sfida all’Olimpico contro la vincente della sfida tra Treviso e Benevento, disputatasi ieri sera.