Rock progressivo: classici con inediti di Emerson e c.

Il rock progressivo - tanto vituperato per i suoi barocchismi - non muore. Oggi la Sony annuncia il "Progressive Day" rilanciando i primi sei album (con "bonus tracks" e inedito) di Emerson Lake & Palmer

Il rock progressivo - tanto vituperato per i suoi barocchismi - non muore. Mentre la Pfm, dopo il duetto festivaliero con Vecchioni, sta preparando un album con il cantautore, oggi la Sony annuncia il «Progressive Day» rilanciando i primi sei album (con «bonus tracks» e inedito) di Emerson Lake & Palmer più gli lp di gruppi storici italiani come Pfm, Banco del Mutuo Soccorso, Rovescio della Medaglia, Nuova Idea ed altri di culto come Acqua Fragile e Quella Vecchia Locanda. Popolarissimi paladini del rock sinfonico, Emerson e i suoi compari hanno imperversato con gli istrionici virtuosismi del primo omonimo disco, di «Tarkus», «Trilogy», «Brain Salad Surgery», «Welcome Back My Friends...» e con la bizzarra rilettura di «Pictures at an Exhibition» di Mussorgski, tutti riproposti in nuova versione. Tra i classici italiani, oltre a quelli di Pfm e Banco, è curioso riascoltare Il Rovescio della Medaglia - in cui militò Michele Zarrillo - che, con dischi come «La Bibbia» e una potenza sonora di 6mila watt, segnarono le strade dei Festival d’Avanguardia e di Nuove Tendenze (come si chiamavano allora).