Rod e Penny, un «sì» col trucco

Lo sposo, la sposa e due testimoni, un uomo e una donna, amici intimi: il matrimonio civile di Rod Steward e Penelope Lancaster si è svolto ieri mattina nel massimo riserbo. A Villa Durazzo, dove si è tenuta in gran segreto la cerimonia delle nozze tanto attese da giornalisti e fotoreporter, hanno assistito molte guardie del corpo e un fotografo privato. Al momento viene tenuto segreto anche il nome dell’incaricato del comune che ha officiato il rito. I responsabili della gestione della villa comunale hanno spiegato che Rod Steward aveva prenotato la villa alcuni mesi fa chiedendo il massimo riserbo per ragioni di sicurezza e per la tutela della privacy, inserendo nel contratto anche la previsione di una penale in caso di fuga di notizie. Dopo la breve cerimonia, Rod e Penny sono tornati velocemente a bordo del loro yacht ancorato tra Portofino e Santa Margherita in attesa di dare il via alla grande festa nel pomeriggio all’ Abbazia della Cervara.