«A Roda Da Vida», Capoeira e concerti a Monluè

Apriranno le danze, stasera, gli Almamegretta, domani i Terrakota e sabato Eugenio Bennato

Cast di tutto rispetto per l’edizione 2007 di A Roda Da Vida (traducendo: il cerchio della vita), l'ormai tradizionale rassegna di maggio organizzata dall’Associazione Italiana di Capoeira da Angola che, dal 1987, vanta come «ragione sociale» la diffusione nel nostro Paese di questa antica pratica brasiliana che intreccia danza, gioco, lotta e acrobazia.
La quattro giorni di scena alla Cascina Monluè ha in programma, oltre agli stage e alle dimostrazioni di Capoeira, un poker di concerti per altrettanti gruppi e artisti uniti dallo stesso comun denominatore: qualità, passione e ricerca per la musica etnica e voglia di far ballare.
Ad aprire le danze, in serata, gli Almamegretta, formazione napoletana che ha alle spalle tre lustri di musica e concerti. Il loro sound è un mix di radici partenopee, melodie arabe e orientali, riferimenti reggae e immancabili «trovate tecnologiche» legate all’elettronica contemporanea e alle soluzioni ritmiche del nuovo millennio.
Domani sarà invece la volta dei Terrakota, settetto meticcio che ha preso le mosse dalla scena alternativa di Lisbona, ma di cui fanno parte anche musicisti angolani, mozambicani e italiani. La musica del combo, capitanato dalla cantante Rimi e da Junior (voce e chitarra), può essere descritta come una fusione di sonorità africane provenienti tanto dal continente-madre (Mali, Senegal, Burkina Faso, Guinea, Marocco, Capo Verde) quanto da tutti i «destini migratori» del popolo africano sparso per il pianeta (Giamaica, Brasile, Cuba e tutti i Caraibi).
Eugenio Bennato, dal vivo sabato sera, presenterà il nuovo album «Sponda Sud», ultimo capitolo discografico dell’avventura targata Taranta Power, il progetto creato sul finire degli anni Novanta per rileggere con occhio contemporaneo la tarantella della sua Napoli, restituendo al ritmo rituale l’originale vitalità e allargando il suo raggio d’azione a tutto il sud (del Mediterraneo e non solo).
Lo show di chiusura sarà infine affidato alla pizzica contaminata dei salentini Kumenei.
Va sottolineato che i quattro giorni di evento hanno lo scopo di finanziare un progetto di integrazione nella società di bambini di strada a Lubango, in Angola, Paese dove la Capoeira trae le sue origini.
A Roda Da Vida
Da stasera fino a domenica, ore 21
Cascina Monluè, via Monluè
Ingresso 7 euro