Ma Roger torna (quasi) a vincere

Davydenko si ritira sul 6-7, 2-1. Lo svizzero sarà a Montecarlo: era dato assente per un errore di traduzione

Mentre gli altri parlano di lui, Roger Federer torna al successo: all’Atp di Estoril conquista il primo torneo del 2008 battendo, o quasi, Nikolay Davydenko. Quel «quasi» è doveroso poichè lo svizzero, dopo aver conquistato il primo set per 7-6, ha approfittato del forfait dell’avversario russo sull’1-2 del secondo set. Davydenko ha accusato un dolore alla gamba, forse dovuto al clima ballerino di questi giorni in Portogallo, e ha lasciato l’onore della vittoria a Federer. Una buona notizia sia per lui che per gli organizzatori dell’Atp di Montecarlo che, proprio alla vigilia dell’inizio del torneo, si erano visti consegnare la notizia che il numero 1 al mondo avrebbe disertato l’appuntamento per meglio preparare il Roland Garros. La notizia originale recitava «Federer out for first big win in Montecarlo»: la parola «out» ha tratto in inganno molte agenzie che l’hanno tradotto come un «fuori». Questo misunderstanding è stato anche diffuso al grande pubblico: chi ha seguito in tv l’Atp di Estoril ha visto scorrere il messaggio sullo schermo più volte. In realtà, la forma inglese corretta indica un obiettivo per cui un atleta concorrerà: qualcuno a Montecarlo avrà maledetto i traduttori colpevoli dell’errore.
Intanto il più grande avversario di Federer, quel Rafael Nadal che lo batte sempre sulla terra rossa, è sbottato contro l’organizzazione mondiale del tennis: «Questo calendario non va bene, in tre settimane ci saranno quattro tornei Masters. Io proverò a esserci in tutti e a fare bene ma la realtà è che l’Atp ormai fa quello che vuole. Per loro i giocatori non contano e i giocatori stessi non credono più nell’Atp». Ancora convinti che il tennis è uno sport noioso?