Roghi, Sicilia in fiamme Ondata di caldo al Sud

Allarme della protezione civile: "Situazione critica". Oltre 40 incendi in tutta l'isola, case evacuate nel Palermitano

Palermo - In Sicilia "la situazione è critica" per gli incendi scoppiati oggi sulla costa settentrionale, nella zona di Spadafora: "I roghi sono vicino alle case, c’è una fortissima turbolenza, ma stiamo facendo fronte alla situazione con tutti i mezzi possibili". A dirlo è Bernardo De Bernardinis, dirigente della Protezione Civile e responsabile dell’area prevenzione rischi naturali, spiegando che "ora in Sicilia c’è tutta la flotta dei canadair della Protezione civile, in totale 7 aerei: eravamo pronti a questa emergenza, sapendo che in questi giorni ci sono 12 gradi in più della media stagionale".

Fiamme nel Palermitano Quattro persone sono state evacuate dalla polizia e dai vigili urbani dopo che le fiamme, divampate in un appezzamento di terreno di via Lanza di Scalea a Palermo, avevano minacciato le loro abitazioni. Il fronte fuoco, alimentato dal forte vento di scirocco, ha interessato una vasta area dove i vigili del fuoco sono intervenuti con tre squadre. Un altro equipaggio della Questura ha soccorso un’anziana donna che era rimasta chiusa nel balcone di casa dopo che il forte vento aveva causato la chiusura improvvisa delle porte. Un focolaio ha minacciato, sempre a Palermo, un’area a verde a poca distanza dall’ex mattatoio comunale in Corso dei Mille. Si è reso necessario trasferiti alcuni cani ospitati in box per il canile municipale dopo che le fiamme avevano danneggiato un gabbiotto esterno. Altri incendi sono divampati in provincia, tra Misilmeri, Bolognetta, Villabate e Castelbuono. Tutte le squadre dei vigili del fuoco di Palermo e dei distaccamenti periferici sono impegnati incessantemente nelle opere di spegnimento, rese difficili dal gran caldo e dal forte vento di scirocco che soffia intenso da 36 ore.

Venti incendi nel Foggiano Oltre una ventina gli interventi effettuati dalle squadre dei vigili del fuoco del comando provincia di Foggia in tutta la Capitanata a causa degli incendi di sterpaglie. Da questa mattina il centralino del comando è stato letteralmente inondato di richieste di interventi in molte zone della provincia a causa dei tantissimi focolai alimentati anche dal caldo scoppiato nelle ultime ore e dal vento che in alcune zone ha creato non pochi problemi ai vigili del fuoco. Oltre che alla periferia del comune capoluogo, le squadre del 115 sono intervenuti per spegnere le fiamme anche nelle campagne di Ascoli Satriano e in alcuni centri del Gargano. Intervento anche a San Severo, dove un principio di incendio è scoppiato all’interno di un’abitazione di un piano. Quando le fiamme sono divampate, in casa vi era solo un ragazzini che è stato messo in salvo dai vigili del fuoco e da alcuni agenti di polizia intervenuti sul posto. Il ragazzo è stato poi ricoverato all’ospedale Masselli Mascia di San Severo per alcune ustioni.

Ondata di caldo in 13 città Proseguono le alte temperature al Centro-Sud e si moltiplicano le città a rischio ondate di calore: oggi sono 13, contro le 6 di ieri. A Perugia, oggi alle 14, la temperatura era di 32 gradi. A segnalarlo è l’apposito sistema di sorveglianza del Dipartimento della Protezione civile che svolge un monitoraggio in 26 città. L’ondata di calore è una situazione di caldo patologico che determina un aumento della mortalità nella popolazione. A Bari oggi e domani il monitoraggio segnala il livello 2, che indica temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio (anziani, bambini e soggetti con patologie cardiovascolari). Ma dopodomani si toccherà il livello 3, che segnala un’ondata di calore in corso, la prima dell’anno. Questa la situazione nelle altre città per cui è scattato l’allerta caldo al livello 2: Campobasso (oggi e domani), Civitavecchia (oggi e domani), Firenze (oggi), Frosinone (oggi), Latina (oggi), Messina (oggi), Napoli (oggi e domani), Palermo (oggi e domani), Perugia (oggi), Pescara (oggi e domani), Rieti (oggi), Roma (oggi). Ieri, a Perugia, la massima era stata di 30 gradi.