Rogo alla Thyssen, morti altri 3 operai. Due vittime anche a Cassino e Avellino

L'ultima vittima dell'incendio nell'acciaieria di Torino si chiamava Bruno Salentino e aveva 26 anni (nella foto). Ma ieri ci sono stati altri gravi incidenti. Anche alla prima della Scala a Milano un minuto di silenzio per le vittime. Nuovo appello di Napolitano

Roma - Ieri l'altro la tragedia all'acciaieria Thyssen Krupp, con sette operai trasformati in torce umane, uno morto giovedì, tre ieri e altri tre sono in fin di vita. Ma ieri ci ha riservato anche altre due vittime e due feriti gravi. E' emergenza, sindacalisti e politici, senza distinzione tra destra e sinistra, chiedono di arrestare la strage proponendo maggiori controlli e nuove leggi. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha definito la notizia del terzo morto delle acciaierie "spaventosa". Per le vittime la Scala ha osservato un minuto di silenzio: "Un gesto dovuto ma sincero - ha detto il Presidente, presente alla 'prima' -. Un segno di attenzione nei confronti di un dramma oggi ancor più acuto".

Un meccanico, chiamato per riparare una bisarca, è morto all'esterno dello stabilimento Fiat di Cassino, nei pressi dell'ingresso "quattro", schiacciato dal mezzo. Per protestare per la mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro, a partire dalle 22 di questa sera, i colleghi scioperano due ore per ogni cambio di turno. Cgil, Cisl e Uil intendono in questo modo sensibilizzare l'opinione pubblica.

Un operaio di 48 anni è morto in un incidente sul lavoro a Bisaccia, in provincia di Avellino, scivolando dall'impalcatura, posta ad alcuni metri dal suolo, montata per eseguire lavori di ristrutturazione ad un fabbricato. Ed arriva la denuncia della La Fillea-Cgil: "L'ennesimo infortunio mortale in un cantiere edile della provincia di Avellino con evidenti responsabilità di tutti i protagonisti coinvolti in questa infausta vicenda, a partire dagli imprenditori, per finire agli organi competenti in materia di controllo senza escludere le istituzioni e il lassismo degli ispettori delle Asl irpine" Un militare dell'Esercito di 38 anni è ricoverato in gravi condizioni al Neuromed di Pozzilli (Isernia). E' rimasto ferito in un incidente al sagrario militare di Mignano Montelungo (Caserta) dove, con altri colleghi del Genio Militare, stava effettuando un'esercitazione per la celebrazione del 64/o anniversario della Battaglia di Montelungo che ricorre domani. E' caduto da una scala, perdendo conoscenza. Sottoposto ad un delicato intervento chirurgico, è ora in prognosi riservata.

Un operaio romeno di 20 anni è rimasto gravemente ferito stasera mentre stava lavorando con una macchina utensile all'interno di un'officina meccanica ad Abano Terme. Il giovane, per cause in corso di accertamento, ha riportato quasi il distacco di un braccio e lacerazioni all'altro arto superiore. L'operaio è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Padova per essere sottoposto ad un intervento chirurgico.

Ed infine, sfiorata la tragedia al cantiere per la conversione a carbone della centrale Enel di Torre Valdaliga, Civitavecchia, dove intorno alle 9 di questa mattina un tubo Innocenti è caduto da un ponteggio, schiantandosi a poca distanza da alcuni operai.