Il Roland Garros: «Basta scommesse» Azione legale contro i siti on line

Gli organizzatori del torneo del Roland Garros hanno avviato una azione legale contro alcune importanti società di scommesse on-line per tentare di impedir loro l’attività nel corso del torneo in programma a Parigi il prossimo mese di maggio. Gli organizzatori hanno presentato una querela ai tribunali di Liegi e Parigi, affermando che l’attività di queste società macchiano la reputazione della prova dello Slam su terra battuta. «Dobbiamo agire con urgenza - ha dichiarato il direttore generale della Fft, la Federtennis francese, Jean-François Villotte -, si tratta di un problema che equivale alla lotta al doping». La Fft spera di bloccare l’attività di tre importanti aziende, la Bwin, Betfair e Ladbrokes, e, in caso di violazione, di costringerle a pagare una ammenda di 50.000 euro. Lo scandalo delle scommesse nel tennis è scoppiato fragorosamente lo scorso anno dopo il caso del top 10 russo Nikolay Davydenko. L’Atp lo scorso novembre ha squalificato tre azzurri: Potito Starace, Daniele Bracciali e Alessio Di Mauro.