Rom La «caccia» ai vigili urbani a Porta Portese 2 un serio allarme

LE REAZIONI Santori (Pdl): «Occorre trovare rimedi in tempi brevi». Storace (La Destra): «Adesso basta, i nomadi a Roma sono coccolati»

«L’ennesima aggressione ai danni degli agenti della polizia municipale del VII Gruppo a Porta Portese 2 rappresenta non più un campanello d’allarme per il Campidoglio, ma un’emergenza strutturale alla quale è necessario porre rimedio in tempi brevi». Ne è convinto Fabrizio Santori, presidente della commissione Sicurezza del Comune. «Esprimiamo tutta la nostra più sentita solidarietà ai vigili aggrediti - scrive Santori in una nota - ma soprattutto ribadiamo la necessità della ferma presenza delle istituzioni capitoline accanto al corpo della polizia municipale per lo straordinario impegno e la professionalità che quotidianamente lo vede operare al fianco dei cittadini su ogni fronte caldo e periferico della città. Continueremo a chiedere al sindaco di rappresentare al prefetto la necessità di una convocazione del Comitato per l’ordine e la sicurezza che affronti a 360 gradi l’espansione incontrollata e illegale del mercato di Porta Portese est. Preoccupano infatti le modalità che questa volta hanno visto i vigili urbani essere aggrediti da un esercito di nomadi. È necessario e opportuno prevenire tali fenomeni di abusivismo emanando un’ordinanza contro il rovistaggio di cassonetti e allo stesso tempo ritenere l’evento di Porta Portese 2 alla pari di una partita di calcio allo stadio Olimpico, al fine di prevedere la presenza di supporto agli agenti di polizia municipale, della polizia e dei carabinieri. Sulla questione della sicurezza serve un cambio di passo innanzitutto aumentando i fondi per la polizia municipale, assumendo in tempi strettissimi i 200 idonei dell’ultimo concorso e concentrando le migliori risorse sulle periferie che necessitano di una sempre più attenta presenza delle istituzioni».
Molto critico, invece, l’intervento del capogruppo capitolino de La Destra Francesco Storace: «A Roma i vigili sono aggrediti, i rom sono coccolati. Ed è gravissimo che l’episodio accaduto domenica scorsa (300 rom a caccia di otto agenti della Polizia municipale nel mercato di Porta Portese 2) diventi appena un episodio di cronaca, da relegare in qualche trafiletto, e non solleciti l’indignazione più forte dell’amministrazione capitolina». L’ex governatore della Regione auspica «un’autentica svolta che porti finalmente e definitivamente a schierarsi dalla parte di chi garantisce sicurezza e rispetto della legge e non ad adoperarsi per un’integrazione fasulla, rivolta a chi non mostra di meritarla». «Domani (oggi, ndr) - aggiunge Storace - presenterò una dettagliata interrogazione al sindaco per denunciare che già il mese scorso, nello stesso mercato, c’era stata una violenta contestazione ai vigili urbani da parte di appartenenti ai centri sociali, che avevano insultato pesantemente la polizia municipale, a difesa dell’illegalità presente nel mercato di Porta Portese Est». Storace annuncia che nell’ interrogazione elencherà una serie di episodi di violenza subiti dai vigili da parte di italiani e stranieri. «E davvero - ha concluso - non c’è bisogno di cincischiare con le comunità rom, come se non bastassero i delinquenti di casa nostra».