Rom, campo sul fiume: «Subito lo sgombero»

Vagano tra la zona commerciale della Fiumara, l’area attigua all’aeroporto Cristoforo Colombo e alcuni ex insediamenti industriali della Valpolcevera e ad ogni sgombero cambiano sede ma creano i soliti problemi di ordine pubblico e igiene. Sono un gruppo di rom di origine rumena, e quindi ancora più difficili da controllare, che continuano a spostarsi all’interno del Comune di Genova. Questa volta hanno fatto tappa direttamente nell’alveo del fiume Polcevera proprio sotto Ponte Pieragostini nella zona di Cornigliano a poche decine di metri dalla foce del torrente. Una serie di tende canadesi montate a ridosso dell’alveo destro e comprate nel vicino centro commerciale Decathlon di Campi fanno da corredo all’insediamento abusivo che da tre giorni è allestito. Una situazione che crea preoccupazione anche per l’incolumità fisica di queste persone (sono circa una trentina) visto che in caso di temporali forti come quelli che si sono verificati sul ponente di Genova tra lunedì e martedì notte potrebbero creare piene improvvise del Polcevera che potrebbero cogliere impreparati gli ospiti di questo insediamento.
Anche dal punto di vista igienico la situazione è problematica vista la precarietà nella quale vivono i rom. Poi c’è la grana legata all’ordine pubblico che si ripercuote su una zona del quartiere di Campi e Cornigliano già alle prese con situazioni poco confortanti: «Siamo al limite della sopportazione, ogni estate è lo stesso ritornello: arrivano ovunque chiedono elemosina e creano problemi al quartiere» si lamentano i residenti. Se è la prima volta, infatti, che si trovano zingari nel letto del torrente è comunque consuetudine vederli accampati nel quartiere a ridosso dell’area commerciale di Campi. «Ho già segnalato il problema alla polizia municipale che avvierà tutto quanto necessario per partire con gli sgomberi - spiega l’assessore alla sicurezza Francesco Scidone -. Purtroppo si tratta delle stesse persone che più volte abbiamo sgomberato in altri punti della città. In tutta Genova saranno ancora 250 i rom presenti, in forte calo rispetto al 2007 quando ne contavamo più di mille».