Rom, don Colmegna contro gli sgomberi

È di nuovo scontro sugli sgomberi delle favelas rom. Dopo l’intervento di prefettura e questura nella baraccopoli abusiva del ponte Cassala e l’allontanamento di circa 20 romeni, fa discutere la posizione di Don Virginio Colmegna, presidente della fondazione Casa della Carità: «Le ruspe non risolvono nulla se non sono accompagnate da contromisure di tipo sociale. Radere al suolo non basta, sposta solo l’emergenza». Di tutt’altro avviso il vicesindaco, Riccardo De Corato: «Ringraziamo le forze dell’ordine per l’intervento. Adesso ci auguriamo che il prossimo sia nel mega-campo abusivo di via Bovisasca». E Tiziana Maiolo (Fi) insiste: «Sgomberare è l’unico modo di difenderci dall’invasione di rom».