Rom, monito del cardinal Bertone: "Non fare di ogni erba un fascio"

Il segretario di Stato del Vaticano invita a distinguere "tra il buon grano e la zizzania" nella questione degli immigrati e dell'uccisione di Giovanna Reggiani

Roma - Distinguere "tra il buon grano e la zizzania" e "non fare di ogni erba un fascio". Questo è l'invito del cardinale segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone, nell'affrontare la questione degli immigrati anche dopo gravi fatti come l'omicidio di Giovanna Reggiani. "Occorre cercare di valorizzare - ha detto Bertone parlando con i giornalisti a margine di una conferenza presso l'organizzazione degli ex alunni delle scuole cattoliche - la nostra antica tradizione di accoglienza e, nello stesso tempo, essere fermi con coloro che si rendono protagonisti di reati, non accettano i criteri di cittadinanza tipici di un paese democratico e non accettano le regole fondamentali della convivenza".
Parlando del caso di Giovanna Reggiani e sottolineando la "coesistenza continua tra bene e male", Bertone ha ricordato che "una donna buona è stata vittima di una così vile aggressione". "In questo caso - ha aggiunto - abbiamo visto a quali atti di violenza porta l'istinto umano incontrollato".