Rom al supermercato rubano il carrello

Continua il «puzzle» degli zingari che si spostano da una parte all'altra della città, lasciando il posto ai nuovi arrivati. La meta preferita per chi è di passaggio (si fa per dire) è, e rimane la Valbisagno. Un fatto che sono costretti a subire anche i dipendenti dei supermercati della zona che, in questi giorni, hanno visto aumentare il numero di nomadi che cercano di «arrotondare» la spesa rubacchiando quello che possono. Ieri nel supermercato di piazzale Bligny sono entrati 8 zingari con prole al seguito con altrettanti carrelli che hanno cominciato a riempire all'inverosimile di carne, contenitori di alluminio e merce varia. I dipendenti (cassiere, banconisti e magazzinieri) sono riusciti con un pronto intervento di controllo a limitare i danni, che si sono limitati a qualche scatola di merendine e bevande, aperte e consumate di nascosto tra gli scaffali. È anche sparito un carrello, caricato in tutta fretta su un furgone bianco. Stessi problemi anche nei supermercati di via Emilia, via Tortosa e via Bobbio. Qui una cassiera racconta: «Siamo tre donne e un uomo e quando arrivano due o tre famiglie di zingari andiamo in paranoia. Tra i bambini che urlano e toccano tutto, e i grandi che ti guardano minacciosi, possiamo solo sperare che paghino e sia che nessuno ci metta le mani addosso».