Rom ubriaco travolse 4 giovani: resta in carcere

Quattro mesi di carcere a fronte della morte di quattro ragazzi? Il rapporto tra la gravità di quanto causato e il periodo di detenzione stavolta, oltre che per il senso comune, è inaccettabile anche per la magistratura. Resterà quindi in carcere Marco Ahmetovic, il rom di 22 anni che la sera del 23 aprile scorso, guidando ubriaco il suo furgone lungo la strada provinciale Appignanese, investì e uccise quattro ragazzi di Appignano del Tronto (Ascoli Piceno), che andavano a prendere un gelato in motorino. La decisione da parte del Tribunale del riesame di Ancona, che ha respinto la richiesta del romeno - clandestino in Italia - di ottenere gli arresti domiciliari. Ahmetovic, assistito dall’avvocato Felice Franchi, aveva impugnato la precedente decisione del Tribunale di Ascoli Piceno che gli aveva negato gli arresti domiciliari, accogliendo il parere del pm. Per l’omicidio di Eleonora Allevi, Alex Luciani, Danilo Traini e Davide Corradetti, tutti fra i 16 e i 18 anni, Ahmetovic comparirà di nuovo il 17 settembre prossimo davanti al Tribunale di Ascoli, dove un mese fa si è aperto il processo a suo carico.