Rom, vertice in prefettura con il ministro dell’Interno Il Pdl: «Via subito 4 campi»

Questa mattina il ministro degli Interni Roberto Maroni sarà in Prefettura per fare il punto della situazione della sicurezza a Milano, sull’attuazione del piano sui campi rom regolari e abusivi messo a punto dal ministro con la precedente giunta che prevede entra la fine dell’anno la chiusura di 4 campi rom regolari come Via Idro, Via Bonfadini, Via Negrotto e Via Novara. «E nei confronti di nessuno di questi - attacca Riccardo De Corato, ex assessore alla Sicurezza nella giunta Moratti e vicepresidente del Consiglio comunale - è stato attuato, dall’insediamento di Pisapia ad oggi, il benché minimo provvedimento per la loro disattivazione entro il 31 dicembre».
«Il “Piano Maroni” - insiste De Corato - oltre a prevedere la chiusura desuddetti quattro campi nomadi, prevedeva anche di mettere in attuazione misure di sicurezza intorno agli altri otto rimanenti come le telecamere teconogicamente avenzate mobili wireless. Anche su questo non si è fatto nulla. Ci auguriamo che Maroni, Lombardi e il questore Marangoni facciano il punto sulla situazione dell sicurezza a Milano, visto che dopo aver tolto le 34 pattuglie di militari e polizia da altrettanto quartieri di Milano, dopo aver disattivato le pattuglie dei vigili che servivano ad identificare gli stranieri clandestini, dopo aver disattivato le pattuglie di vigili contro accattoni e lavavetri, dopo aver disattivato i servizi notturni sulle linee metropolitane e sui mezzi pubblici, sulla strada sono rimasti deliquenti vari».