Roma, 100 giorni senza sconfitte

RomaCento giorni senza sconfitte. È il piccolo record della Roma di Ranieri, che taglia il traguardo sotto i riflettori dell’Olimpico nella semifinale di andata di Coppa Italia contro l’Udinese. Proprio i friulani, sempre di sera (era il 28 ottobre scorso), avevano dato l’ultimo dispiacere ai giallorossi. Altri tempi, i giallorossi erano in crisi di risultati e al ritorno dalla trasferta friulana furono fischiati a Fiumicino. Da allora l’inversione di tendenza: una serie utile di 18 partite (15 vittorie, sette consecutive, e 3 pareggi) tra campionato, Coppa Italia ed Europa League. Dopo aver agganciato il Milan al secondo posto in serie A, la Roma è ora a un passo dalla sua quinta finale in sei stagioni nella competizione.
Ranieri schiera la migliore Roma attualmente a sua disposizione, recuperando quasi tutti gli attaccanti (assente il solo Toni, fermo per infortunio e il cui rientro è previsto non prima di un mese). Francesco Totti ritrova i suoi tifosi 46 giorni dopo l’infortunio prenatalizio con il Parma e la Coppa Italia addirittura dopo quasi 22 mesi (l’ultima prima di ieri sera il 16 aprile 2008 con il Catania). Il capitano prosegue la sua fase di recupero e si scalda per la sfida di domenica a Firenze, dove non ha mai segnato. L’Udinese propone il tridente e, di ritorno dalla Coppa d’Africa (dove è stato premiato come miglior giocatore del torneo), anche il ghanese Asamoah.
Il primo tempo è di marca giallorossa: la superiorità tecnico-tattica è indiscutibile e dopo 12 minuti un lancio di De Rossi pesca Vucinic, tenuto in gioco da Coda e Zapata, che entra in area e infila con un rasoterra Handanovic. Il montenegrino non segnava dal 3 dicembre (Roma-Basilea di Europa League). L’Udinese tenta una reazione che si concretizza però solo con qualche conclusione da lontano non pericolosa. La squadra di Ranieri al 40’ colpisce per la seconda volta: punizione di Pizarro sul primo palo, si inserisce Mexes che di testa batte Handanovic. Sanchez, il più vivace dei suoi, potrebbe riaprire la partita, ma con un diagonale sfiora il palo.
La ripresa vede la Roma controllare agevolmente il match, mentre l’Udinese recrimina per un fuorigioco erroneamente fischiato a Floro Flores che stava per lanciarsi a rete. Qualche brivido nel finale con un’iniziativa di Di Natale, ma finisce 2-0 per la squadra di Ranieri. «Era importante non incassare gol, ci siamo riusciti», così il tecnico della Roma al 90’. Appuntamento per il ritorno al 14 aprile, sempre che l’avventura europea dei giallorossi non si concluda in anticipo.