Roma Alunno di nove anni prende a pugni la maestra

Colpita al torace con pugni così forti da levare il fiato. La vittima, una maestra della scuola elementare «Renzo Pezzani», di Centocelle; l’aggressore un bimbo di 9 anni con un disagio e già seguito dall’istituto. Il fatto succede durante la ricreazione: il bimbo tenta di aggredire una compagna rovesciandole in testa un banco dopo che la piccola era caduta. Interviene l’insegnante che viene però presa a pugni dall’alunno.
Il piccolo si calma solo con l’arrivo dell’insegnante di sostegno che al momento dell’aggressione si era allontanata, forse per seguire altri alunni. E il problema sembra essere proprio questo: la scarsità degli insegnanti di sostegno a fronte di un numero cospicuo di bimbi con problemi. Su 900 alunni del circolo didattico in questione, 50 bimbi hanno un disagio manifesto ma le insegnanti di sostegno sono solo sette. «E tutte lamentano carenza di materiale didattico», assicura il presidente della commissione personale del VII municipio, Claudio Giuliani che sottolinea: «Ci sono stati due milioni di euro di tagli nel municipio e questo ha avuto ricadute anche sulla scuola».