La Roma baby passa il turno

da Roma

Due gol in 27 minuti e la sterile resistenza della Triestina, in campo con soli tre titolari, viene domata. I gol di Virga e Montella, quest’ultimo già autore di una doppietta all’andata, conducono in carrozza la Roma ai quarti di Coppa Italia. Dove potrebbe incontrare il Napoli (se i partenopei elimineranno il Parma il prossimo 7 dicembre). Una partita a serio rischio incidenti: l’anno scorso al San Paolo, sempre nella stessa competizione, si giocò a porte chiuse. Turn over limitato per Spalletti, che ha una bella lista di infortunati: a riposo Totti (convocato, ma nemmeno in panchina), il portiere Doni, Panucci, Taddei e Chivu. Ad altri come De Rossi - in campo però 45 minuti -, Mancini, Mexes e Pizarro vengono invece chiesti gli straordinari. La sfida per pochi intimi con i triestini diventa così la passerella per il ventenne brasiliano Rodrigo Defendi, titolare per 90’ dopo gli appena sessanta secondi in Champions League ad Atene e per il baby Massimiliano Marsili; l’occasione per il primo gol in giallorosso per Valerio Virga (gran tiro da fuori area su assist di Vucinic), quattordicesimo giocatore della Roma a segno in questa stagione; la nuova rete di Montella, che con un colpo di testa su angolo di Mancini risponde presente alla chance offertagli da Spalletti. «Siamo stati bravi - dirà il tecnico alla fine - ma il tassello sulla qualificazione l’avevamo già messo a Trieste».