Roma, Bambin Gesù: fuoco in rianimazione Gli intossicati sono 40

Un incendio è scoppiato nel reparto di rianimazione dell'ospedale romano. Dieci bambini sono stati tratti in salvo dai vigili del fuoco, 40 adulti sono rimasti intossicati: uno è in codice rosso. Alemanno: "E' stato un bel miracolo". Polverini: "Solo intossicazioni da fumo"

Roma - Miracolo al Bambin Gesù. Un incendio è scoppiato nel pomeriggio all'interno dell'ospedale pediatrico. Le fiamme sono propagate nel reparto di pediatria e immediatamente sono arrivati vigili del fuoco. Molta paura tra i piccoli pazienti e i genitori.

Messi in salvo dieci piccoli pazienti Dieci bambini sono stati tratti in salvo dai vigili del fuoco. I primi nove sono stati subito portati via. Il trasporto del decimo piccolo paziente ha richiesto particolare precauzioni perchè il bimbo era intubato e i pompieri sono stati assistiti dai medici. Sul posto sono accorse otto squadre vigili del fuoco. 

Quaranta intossicati "Sono state concluse con successo e tempestività le prime fasi delle operazioni per riportare alla completa normalità l’attività del padiglione PIO XII dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù interessato da un incendio nel primo pomeriggio", si legge in una nota dell’Ospedale che spiega: "I 118 pazienti presenti al momento dell’incendio nel Padiglione sono stati riallocati all’interno delle altre unità operative dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Successivamente, per 6 di essi - in funzione di opportunità logistiche - è stato disposto il trasferimento in altre strutture del territorio che, dal primo momento hanno manifestato piena disponibilità e collaborazione". Dopo le "prime cure prestate presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale, 28 dipendenti, 5 addetti alle pulizie e 7 genitori sono stati trasferiti in altre strutture sanitarie del territorio per essere sottoposti ai controlli sanitari previsti in caso di esposizione al fumo e al momento presentano un quadro clinico non preoccupante".

Polverini: "Solo un paziente è grave" "Sono andati in altre strutture otto adulti in ambulanza, tra cui uno in codice rosso ricoverato al San Camillo, e undici in codice bianco con le navette. Le strutture che al momento hanno dato assistenza sono il San Camillo, l’Umberto I, il Sant’Eugenio, il Santo Spirito, il Gemelli e l’Aurelia Hospital". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini. "I bambini non hanno riportato alcuna conseguenza per l’incendio - ha precisato Polverini - perchè erano pazienti in terapia intensiva e, essendo intubati, non hanno respirato. Le persone che avete visto uscire con le ambulanze o con le navette sono adulti, medici, infermieri e genitori che intervenendo in aiuto hanno inalato fumo". La governatrice ha anche spiegato che "nessuno ha ustioni, ma si tratta solo di intossicazione da fumo" e ha poi lodato la "grande tempestività degli interventi e il grande spirito di collaborazione: in 6 minuti erano sul posto sia il 118 che i vigili del fuoco".

Alemanno: un miracolo "È stato un bel miracolo", ha commentato il sindaco di Roma Gianni Alemanno lasciando l’ospedale pediatrico. "Ormai la situazione è sotto controllo, il Bambin Gesù farà tutti gli accertamenti per capire cosa è accaduto ma la buona notizia è che tutti i servizi di emergenza hanno funzionato bene, in modo coordinato, dalla Protezione civile a vigili del fuoco, polizia e carabinieri, oltre alla grande capacità reattiva del personale dell’ospedale. La risposta immediata ed efficacie - ha aggiunto il sindaco - ha evitato una tragedia".