Roma batte il Bologna, la paura e la contestazione

Roma Vucinic torna al gol dopo 5 mesi («si vede che è cambiato il vento», scherza Ranieri) e la Roma cancella paure e contestazioni. Sassi e uova al pullman, una corona di fiori con la dedica «dai tifosi alla squadra» posta sotto le mura dell’Olimpico, il vantaggio del Bologna con Adailton nell’unico tiro degli ospiti: la giornata era cominciata male per i giallorossi. Poi il montenegrino pareggia (e non esulta, beccandosi i fischi della Sud) in un’azione viziata da un fallo di mano di Perrotta e a inizio ripresa quest’ultimo sfrutta una respinta di Viviano sul tiro di Menez, regalando il sorriso alla Roma dopo tre stop. Curiosità: l’arbitro Trefoloni ha dovuto dare forfait per una lombalgia, così è toccato al quarto uomo Baracani dirigere il match.