Roma, blitz di Casapound contro Fiat: occupata concessionaria, 100 sigillate

Una cinquantina di militanti di
CasaPound Italia ha occupato il "Fiat Center" di
viale Manzoni. Sigillate 100
concessionarie in 40 città

Roma - Una cinquantina di militanti di CasaPound Italia ha occupato il "Fiat Center" di viale Manzoni, una delle concessionarie più grandi della Capitale. I manifestanti si sono presentati all’apertura del punto vendita con bandiere di Cpi e striscioni con su scritto "Fiat odia l’Italia" e, entrati nella concessionaria, hanno spiegato di voler mettere in atto un’occupazione simbolica e sono saliti sul tetto dello stabile. L’occupazione del Fiat Center di Roma non è un’azione isolata. Da Torino a Palermo, nella notte infatti CasaPound Italia ha messo a segno blitz contro la Fiat in tutta Italia.

Le concessionarie "sotto sigillo" Questa mattina un centinaio di concessionarie in oltre 40 città italiane sono state trovate "sigillate" con il nastro bianco e rosso, a ricordare una "scena del crimine", e circondate di striscioni con la scritta "Fiat odia l’Italia". "Prima fallisce, meglio è. Per tutti", lo slogan che si legge sui volantini lasciati davanti a tutti i punti vendita "colpiti" per chiedere incentivi solo per le auto prodotte in Italia, stop agli incentivi per le auto prodotte all’estero "sfruttando lavoratori stranieri sottopagati", e il sequestro e la nazionalizzazione per gli stabilimenti di Pomigliano d’Arco e Termini Imerese, da affidare, secondo Cpi, "a Finmeccanica e Fincantieri".