Roma come il Bronx: un altro gambizzato nella guerra fra bande criminali rivali

Una città che sembra un far west. Ancora una sparatoria e un ferito a Roma: un uomo di 32 anni è stato colpita a una gamba nel corso di un conflitto a fuoco avvenuto nella periferia della città. Agli agenti del Commissariato Monteverde l’uomo, che ha qualche precedente, ha raccontato di essersi ferito da solo, ma la versione non ha convinto gli investigatori. Si fa strada, invece, l’ipotesi di un agguato legato allo spaccio di droga, un regolamento di conti tra bande criminali rivali. Sarebbero stati due i colpi sparati contro l’auto in cui si trovava il pregiudicato: uno al parabrezza e l’altro allo sportello. Al momento dell’accaduto, l’uomo era disarmato e gli investigatori stanno cercando di appurare se i due avessero avuto un diverbio prima dell’esplosione dei colpi.
L’ultima sparatoria con ferito a Roma risale alla notte tra venerdì e sabato scorso a Tor Bella Monaca quando una bimba di 10 anni è rimasta lievemente ferita. Ancora il 15 settembre un giovane di 21 anni era stato ferito da un uomo che gli aveva sparato mentre l’11 settembre nel quartiere Portuense, si è consumato un inseguimento a colpi di pistola, vittima un giovane di 21 anni. Il 23 agosto il diciottenne Edoardo Sforna è stato ucciso con alcuni colpi di pistola all’interno della pizzeria nella quale lavorava, a Morena. La notte prima a Centocelle, c’era stata una sparatoria in strada. A fine luglio un uomo è stato gambizzato a Primavalle e a Casal Bruciato dove è stato ferito un 33enne. Il 5 luglio l’episodio più eclatante: alle 9.30 nel centrale quartiere di Prati, Flavio Simmi, romano di 33 anni, fu crivellato in strada da sette colpi sparati da due individui in moto, sotto gli occhi della sua compagna.