Roma, cinese picchiato da baby gang razzista

Un ragazzo cinese di 25 anni è stato picchiato a sangue a Tor Bella Monaca, fermati 6 ragazzini, tutti italiani. Alemanno: "Punire i colpevoli". Marrazzo: "Serve fermezza"

Roma - Sono stati fermati 6 ragazzini presumibilmente coinvolti nell’aggressione ad un cinese avvenuta questo pomeriggio a Tor Bella Monaca, periferia di Roma. I ragazzini sono stati fermati nella zona dove il venticinquenne è stato picchiato ed è in corso - spiega la municipale - la loro identificazione. Nel gruppo di ragazzini, italiani, ci sarebbero anche alcuni minorenni. Tra le ipotesi quella più accreditata è che abbiamo agito per motivi razziali.

Aggressione a sfondo razziale Il venticinquenne cinese è finito al policlinico di Tor Vergata dopo essere stato accerchiato e malmenato da alcuni ragazzi in viale Duilio Cambellotti davanti al teatro di Tor Bella Monaca. Sono intervenuti i vigili urbani dell’VIII gruppo.

Il racconto del testimone Il testimone ha riferito ai vigili che il cinese stava camminando per strada tranquillamente quando è stato accerchiato e malmenato violentemente. Dopo l’aggressione il gruppo, sempre secondo il testimone, è fuggito verso viale dell’Archeologia lasciando a terra la vittima che non parlerebbe italiano.

Le ferite riportate dal ragazzo Un grave trauma cranico, il setto nasale rotto, una ferita lacero contusa profonda sulla testa e tagli al volto che saranno medicati con punti di sutura. Secondo quanto si apprende dai sanitari del 118, queste le ferite che ha riportato il ragazzo cinese.

Il precedente contro un ragazzo di colore Alcuni testimoni hanno riferito di aver riconosciuto negli aggressori dell’episodio di violenza avvenuto a Tor Bella Monaca le stesse persone che nei giorni scorsi hanno aggredito il ragazzo di colore. Anche i vigili urbani dell’VIII gruppo ritengono che i cinque ragazzi siano gli stessi che lunedì sera hanno picchiato un ragazzo di colore che passeggiava in strada.

Alemanno: "Punire i colpevoli" "Esprimo piena solidarietà al ragazzo cinese vittima dell’aggressione avvenuta oggi a Tor Bella Monaca", dichiara il sindaco di Roma Gianni Alemanno. "Mi auguro - aggiunge il sindaco - che gli inquirenti riescano il prima possibile ad assicurare alla giustizia gli autori di questo gesto criminale, che devono essere puniti con particolare rigore e in modo esemplare se dovesse essere confermato il movente di natura razzista".

Marrazzo: "Serve fermezza" "La gravissima aggressione a un ragazzo cinese avvenuta oggi a Tor Bella Monaca deve essere punita con la più assoluta fermezza. Sconcerta ancor più apprendere che gli autori di questo gesto ignobile siano probabilmente minorenni e per giunta non nuovi a violenze di questo stampo", ha detto il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo. "Roma - ha ricordato Marrazzo - deve la sua fama internazionale al fatto di aver dato origine a una cultura millenaria fatta di pace ed accoglienza. Dovremo trovare il modo di spiegarlo a questi ragazzi. Nella nostra Regione gli stranieri sono benvenuti, e hanno diritto come ogni altro cittadino alla sicurezza garantita dalle forze dell’ordine, oltre che da un esempio di civiltà che sembra essersi pericolosamente smarrito".