Roma, crisi continua: Ranieri perde anche Taddei

Il brasiliano, appena rientrato con il Genoa dopo l'infortunio rimediato alla prima di campionato, a dovrà nuovamente fermarsi per circa 40 giorni.

Ranieri perde di nuovo Taddei. Il brasiliano era appena rientrato, con il Genoa, dopo l'infortunio arrivato alla prima di campionato e ora dovrà nuovamente fermarsi, per circa 40 giorni. Taddei è stato sottoposto ad accertamenti che hanno evidenziato una lesione tra il primo e il secondo grado al polpaccio. Mentre sta meglio Adriano (che si era infortunato alla caviglia) e nei prossimi giorni comincerà un lavoro specifico personalizzato. Non diminuiscono i problemi per Ranieri, anzi. Il tecnico ora spera di ricevere una notizia positiva da Menez e De Rossi che continuano a lavorare a parte ma che potrebbero farcela per sabato contro il Lecce, almeno a mettersi a disposizione. Oggi intanto l'allenatore ha diviso la squadra in due. Due sedute differenziate di allenamento per la Roma che ha aumentato i carichi di lavoro basandosi sui programmi stilati la scorsa settimana durante i continui colloqui tra squadra, allenatore e dirigenti. Il lavoro di questa mattina è durato circa due ore ed è stato chiuso con scatti e allunghi. In mattinata sono scesi sul campo i giocatori che hanno più minuti di gara nelle gambe, per il pomeriggio invece Ranieri ha voluto una partitella per Julio Sergio e Vucinic. Il primo rientrerà sabato contro il Lecce, il secondo è già rientrato ma ha bisogno di accumulare minuti perché per diversi infortuni ha giocato con intermittenza dall'inizio della stagione. Vucinic sabato contro il Lecce sarà regolarmente in campo. Ranieri spera di recuperare anche Menez e De Rossi che però continuano a lavorare a parte. A Trigoria da questa settimana è cominciata la nuova «gestione», sempre sotto la guida di Ranieri. Con allenamenti specifici - fisici e tattici - intensi. Tutte procedure che, in società sperano, possano portare dei benefici utili per uscire dalla crisi. Anche perché nei prossimi giorni comincia un filotto di partite importanti: si comincia con il Lecce all'Olimpico, ma poi c'è la sfida di Champions con il Basilea in casa degli svizzeri e soprattutto il derby. Entrambe partite da vincere per salvare almeno la faccia.