La Roma diventa ricca con Mediaset

Nelle casse giallorosse arrivano 130 milioni in due anni La Sensi: «Finalmente posizionati tra le prime quattro della serie A»

Marcello Di Dio

da Roma

Lo aveva annunciato il vicepresidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi il 14 marzo scorso: «Oltre ai diritti televisivi già conquistati per la trasmissione delle partite di Juventus e Inter, il gruppo è in fase di chiusura anche con Roma, Lazio e Milan». E ieri è arrivata l’ufficialità dell’accordo con la società di Trigoria. Che incasserà 130 milioni di euro per le due stagioni 2007/2008 e 2008/2009 più 15 come diritto di opzione per la terza. In pratica, se Mediaset deciderà di confermare l’opzione, nelle casse giallorosse potrebbero entrare in totale poco meno di 200 milioni in tre anni. «Sono soddisfatto di quest’accordo, la Roma è una squadra che ha due milioni e mezzo di tifosi - ha sottolineato Berlusconi jr. ai microfoni del Tg5 - e anche orgoglioso perché con la società giallorossa c’è un rapporto ottimo iniziato nel 2004 e che proseguirà fino almeno fino al 2010». «Una trattativa molto serena, ma anche chiara e serena - ha invece evidenziato l’amministratore delegato Rosella Sensi sempre al Tg5 - finalmente la Roma viene posizionata tra le prime 4 formazioni del campionato italiano». Infatti la Juventus ha già incassato 248 milioni (108 e 110 per le prime due stagioni più 31 di opzione per la terza) e l’Inter 206 (185 in due anni più i 21 milioni aggiuntivi a titolo di prelazione), mentre presto arriverà anche il contratto per il Milan sulla base di circa 210-220 milioni di euro.
Nell’accordo - precisano i comunicati congiunti della Roma e del gruppo di Cologno Monzese - rientra la trasmissione delle partite interne dei giallorossi su tutte le piattaforme distributive, ad eccezione dell’UMTS, i diritti esteri e la trasmissione televisiva degli allenamenti, di alcuni trofei amichevoli oltre ad altri diritti commerciali. Rti produrrà dunque le immagini, mentre la Roma resterà proprietaria dell’archivio storico. Mediaset ha inoltre annunciato che cederà a terzi i diritti di sfruttamento delle piattaforme di trasmissione sulle quali non svilupperà una propria offerta. Dunque, come avvenuto già per altre squadre, il gruppo dovrebbe rivendere a Sky i diritti per il satellite.
«Se si possono incassare 200 milioni si va in competizione con Milan, Inter e Juventus», aveva commentato ieri tra il serio e il faceto il tecnico della Roma Spalletti poche ore prima dell’ufficializzazione dell’accordo. Grande fibrillazione nell’etere romano per la notizia e già molti tifosi sognano una campagna acquisti da scudetto.
A breve, forse già in questa settimana, arriverà anche l’accordo con la Lazio (120 i milioni che dovrebbero finire nelle casse del club di Formello). In totale il gruppo Mediaset metterà sul piatto un investimento di quasi un miliardo di euro. «Abbiamo raggiunto il traguardo di 1,9 milioni di tessere ricaricabili e di 2,3 milioni di ricariche vendute - ha detto ancora Pier Silvio Berlusconi -. Questi accordi sono molto positivi per le società e oltre alle grandi ci rivolgeremo anche alle medio-piccole (Messina e Livorno sono già contrattualizzate, ndr), l’obiettivo è di avere almeno 10 squadre sul digitale terrestre».