Roma, donna pirata uccide ciclista

La vittima, un uomo di 70 anni, è stato travolto e ucciso mentre andava in bicicletta. La donna pirata è stata arrestata per omicidio colposo e omissione di soccorso

Roma - Un uomo di settantanni, Cesare Mastei, è stato investito e ucciso mentre andava in bicicletta da un automobilista che poi si è dato alla fuga nella periferia di Roma. L’incidente è avvenuto in mattinata in viale dei Romanisti, nella zona est della città. L’uomo soccorso dal 118, a quanto si apprende, è deceduto durante il trasporto al Policlinico Casilino. Il pirata della strada, una donna, è stata arrestata per omicidio colposo e omissione di soccorso.

La dinamica dell'incidente Secondo il racconto fatto da alcuni testimoni ai vigili urbani la bicicletta guidata da Cesare Mastei si è fermata ad un semaforo: quando il ciclista è ripartito, mentre si spostava al centro della carreggiata, è stato travolto da una Panda con a bordo una donna. L’auto ha proseguito senza fermarsi e, successivamente, è stata ritrovata, a soli 300 metri dal teatro dell’incidente, abbandonata nel parcheggio di un condominio di via Cesare Annessi. La Panda, che è risultata poi un’auto aziendale della Acea, era stata affidata al fidanzato della donna contro il quale è scattata l’accusa di simulazione di reato e favoreggiamento, perché ne aveva denunciato stamani il furto al commissariato Tuscolano.