A Roma una fontana si tinge con il tricolore

Dopo la Fontana di Trevi e la scalinata di piazza di Spagna, stavolta
nel mirino di Graziano Cecchini è finita la fontana delle Naiadi in
piazza della Repubblica<strong> Guarda le <a href="http://www.ilgiornale.it/fotogallery/roma_fontana_naiadi_si_tinge_tricol... target="_blank">foto</a> e il <a href="/video/roma_fontana_naiadi_si_tinge_tricolore/id=Fontana_tricolore?" target="_blank">video</a><br />
</strong>

Roma - Dopo la Fontana di Trevi e la scalinata di piazza di Spagna, stavolta nel mirino di Graziano Cecchini è finita la fontana delle Naiadi in piazza della Repubblica a Roma, che stamattina si è colorata di verde, bianco e rosso. La versione tricolore del monumento è però costata una denuncia all’artefice per imbrattamento e deturpamento.

L'installazione Cecchini che si definisce artista futurista e usa il nome di battaglia Rossotrevi, non è nuovo a simili imprese: nel 2007 colorò di rosso le acque della Fontana di Trevi, nel 2008 invece migliaia di palline colorate rotolarono per sua mano lungo la scalinata di piazza di Spagna. Stamattina, intorno alle 10.30 ha messo a segno un altro blitz e ha versato del colorante verde, bianco, e rosso, nell’acqua della primo anello della fontana al centro di piazza della Repubblica. Oltre al tricolore zampillante, Cecchini ha issato sui gradoni della fontana un mezzo busto di donna con rubinetti al posto dei seni e la scritta "cultura+acqua= di tutti!", una croce di cartone rossa con la scritta Sos, accanto ha poggiato due broccoli, allusione all’omonimo Sovrintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma Umberto Broccoli.

I motivi della protesta L'uomo è entrato nella vasca a spiegare la sua installazione contro "il governo delle veline" e la politica "miope" del sindaco di Roma. Gli agenti del commissariato Viminale lo hanno bloccato mentre turisti e giornalisti immortalavano il tricolore improvvisato. Agli agenti Cecchini ha spiegato: "Protesto per la liberalizzazione dell’acqua e contro il taglio dei fondi alla cultura". I coloranti usati, a prima vista fumogeni, sono "pigmenti naturali, non danneggiano la fontana" ha assicurato Cecchini. Campioni di acqua colorata sono stati comunque prelevati e saranno analizzati dalla polizia scientifica. Intanto le squadre del decoro urbano hanno svuotato la prima vasca della fontana e ripulito tutto con il getto di acqua e vapore. Cancellando ogni traccia dell’estemporanea opera d’arte.