Roma, con i viola è una rivincita Pallotta: «Terremo De Rossi a lungo»

Trentotto giorni fa, la Roma di Luis Enrique toccava il punto più basso con lo 0-3 di Firenze. L’ultimo fantasma di un passato non certo entusiasmante, cancellato dal filotto di 4 risultati utili. Stasera il tecnico asturiano vuole prendersi la rivincita contro i viola negli ottavi di Coppa Italia (ore 20.45, diretta Rai 1). «Quello del campionato è un ricordo amaro e può essere una motivazione extra per la nuova sfida», così l’allenatore della Roma che pensa al turnover (fuori probabilmente Totti, Juan e De Rossi) considerate le tre gare in sei giorni: «Ho una rosa di 20 giocatori che possono giocare tutti, la formazione sarà la migliore per vincere la partita, ma la mentalità deve essere la stessa, questa competizione è stimolante».
Ancora di più, forse, dopo il discorso con tanto di fuoriprogramma finale - un tuffo nella piscina di Trigoria completamente vestito - di James Pallotta, il socio forte della cordata Usa proprietaria della Roma. «Un gesto simpatico che dimostra come è lui: aperto e ottimista», così il tecnico. «Parlare con Totti e De Rossi, anche se brevemente, ti fa capire che sono entrambi di gran classe, rappresentano Roma molto bene e per questo vogliamo tenerli con noi il più a lungo possibile, perché per me sono la Roma», le parole di Pallotta nella prima intervista ufficiale al canale tematico. E sul centrocampista, in scadenza a giugno, dice sorridendo in tono ironico: «Credo di aver fatto firmare De Rossi nella breve conversazione che abbiamo avuto in campo...».
Il tecnico della Fiorentina Delio Rossi ha grande feeling con la Coppa Italia (due finali con Lazio e Palermo all’Olimpico) ma chiede continuità alla squadra dopo il successo di Novara. I viola non vincono in casa della Roma da 20 anni. «Ho visto progressi, bisogna ripetersi per trovare fiducia. Ma non illudiamoci di trovare la squadra battuta al Franchi», così l’allenatore dei toscani.
Nell’altra sfida degli ottavi (ore 17.30, Rai 2) l’Udinese cerca il pass contro il Chievo per proseguire l’onda lunga del campionato. Massiccio turn over per entrambe.