Roma è un labirinto in bianco e nero

L’ultimo volume di Mimmo Jodice è un’antologia di scatti recenti dedicati a Roma (Johan & Levi Editore, pagg. 191, euro 80), dove lo sguardo di un poeta dell’immagine indaga pregi e incongruenze architettoniche svelando le dinamiche dell’urbanizzazione. Dai Fori Imperiali ai sobborghi, da San Pietro alla Stazione Termini, dall’Eur alle Mura Aureliane ai cavalcavia desolati, a dominare è il silenzio. Muovendosi come in un labirinto, Jodice regala bianchi e neri dove la figura umana è inesistente o appena accennata. A ricordarci un luogo che ha attraversato la storia stratificando stili e memorie, pieno di racconti affidati alle pietre che emergono dal fondo come le colonne metafisiche dei dipinti di De Chirico.