Roma, il legale di Soros è sbarcato a Fiumicino

La società si avvicina alla cessione. L'avvocato Tacopina è nella Capitale. Ma la famiglia Sensi continua a smentire. Titolo sospeso per eccesso di rialzo: +18,5%

Roma - Ore 5,50, aeroporto di Fiumicino. Da un volo di linea dell'Alitalia scende Joseph Tacopina. Il nome di questo avvocato di New York ha cominciato a circolare per le strade della Capitale da ieri. Sarebbe lui l'uomo incaricato dalla Inner Circle, la società del finanziere George Soros, per trattare la cessione del club giallorosso. Il legale che, secondo indiscrezioni del New York Post, potrebbe diventare in prima persona presidente del club, è accompagnato da una persona di fiducia.

La società Stretta in una difficile morsa (la Consob da una parte, le banche creditrici dall'altra) la famiglia Sensi non si sbottona. "Non è in programma alcun incontro tra la famiglia Sensi o i rappresentanti di Italpetroli con l’avvocato americano Joe Tacopina per la finalizzazione della cessione della squadra di calcio" afferma Italpetroli in una nota. Italpetroli, su espressa richiesta della Consob, precisa che "non è stato raggiunto alcun accordo con alcun soggetto in merito alla cessione della partecipazione di controllo in AS Roma né è previsto alcun incontro propedeutico a tale cessione". Ma stamattina l'avvocato di New York è arrivato in città.

In Borsa Avvio di seduta movimentato per As Roma: il titolo non ha aperto per eccesso di rialzo, mettendo a segno un rialzo teorico del 16%. Strappa in Borsa il titolo, in crescita del 18,57% a 1,41 euro, dopo l’impossibilità di formare un prezzo di ingresso alle contrattazioni per eccesso di rialzo. Anche in considerazione della bassa capitalizzazione del titolo, non sono comunque particolarmente elevati gli scambi: a metà giornata sono state trattate quattro milioni e mezzo di azioni, meno del 4% del capitale.