Roma, l'estrema destra insulta Alemanno

Tornano i manifesti del gruppo di estrema destra "Militia" nella capitale. Questa volta, oggetto delle critiche, il sindaco di Roma Gianni Alemanno accusato di sionismo

Roma - Tornano i manifesti del movimento di estrema destra Militia nella capitale. Questa volta è nel mirino del gruppo il sindaco Alemanno. Uno striscione lungo dieci metri, è stato affisso sulla vetrata del ponte della metropolitana al quartiere Prati, con la scritta "Alemanno infame escremento sionista". Poco più distante sempre a firma di Militia un manifesto, con il fondo bianco e la scritta tracciata con un pennarello nero, diceva "Se amare la Patria è un delitto noi siamo assassini".