Roma-Pantano su un binario morto

È ripartito regolarmente il servizio di ferrovia metropolitana ieri dopo la «promessa» di Met.Ro. ai capistazione di affrontare la questione. La grave carenza di organico, però, rimane. Decisamente insufficiente, secondo i sindacati, il numero dei macchinisti e dei capideposito. «Siamo costretti a straordinari massacranti - spiega Roberto Proia del Sult -, e in queste condizioni ne risente anche la sicurezza». Ma i problemi della Roma-Pantano non finiscono qui. I nuovi convogli acquistati appena tre anni fa, infatti, sono insufficienti a fronteggiare i 35 mila passeggeri che ogni giorno utilizzano il trenino. Inoltre i manovratori sono costretti a lavorare senza aria condizionata su quasi tutte le vetture. Nonostante questo Met.Ro. continua a negare problemi con i suoi dipendenti. «Presenterò un’interrogazione in Consiglio regionale - la replica di Fabio Desideri consigliere della Lista Storace - c’è urgente bisogno di chiarezza su questa faccenda».