Roma, passo falso E ora Pizarro in forse con Arsenal

ASSENZE «Mercoledì un centrocampo con Aquilani e Brighi è in preventivo»

Per fortuna che c’è Vucinic. La Roma ringrazia il bomber montenegrino ma il pari contro l’Udinese non vale granché in prospettiva zona Champions. E ora, dopo l’1-1 contro i friulani e la sconfitta del Genoa, occhi puntati sulla Fiorentina. Nella speranza che il passo falso casalingo dei giallorossi (c’è pure l’infortunio di Pizarro a rendere grigia la giornata) sia ammortizzato, questo pomeriggio, da una giornata no della squadra di Prandelli contro il Palermo. Nel frattempo il quarto posto sembra allontanarsi con la Roma che sembra il Milan dell’anno scorso: vicino ma mai troppo all’ultimo posto disponibile per i preliminari.
Intanto la squadra pensa già all’Arsenal, una serata speciale quella di mercoledì sera con l’Olimpico esaurito. A parlare ieri è il vice dello squalificato Spalletti, Marco Domenichini e il primo pensiero va a De Rossi, colpevole ancora una volta di troppo nervosismo in campo: «Glielo dico sempre, Daniele non dovrebbe cadere in queste situazioni, ormai ha esperienza da vendere, ma ieri l’ho visto troppo nervoso...». Domenichini ammette la scarsa vena della formazione giallorossa soprattutto all’inizio: «Nel primo tempo abbiamo giocato sotto ritmo - ammette - eravamo lenti, lunghi e non riuscivamo a prendere in mano il gioco come al solito in casa. Nel secondo tempo abbiamo, invece, messo più rabbia, più voglia, e paradossalmente in dieci abbiamo creato di più rispetto a quando eravamo in undici. Poi allo scadere poteva anche arrivare il gol della vittoria e, per l’impegno messo, poteva essere anche meritato».
Capitolo Pizarro. L’infortunio in vista del match di mercoledì sera, si va ad aggiungere alle defezioni di Simone Perrotta e De Rossi, quest’ultimo squalificato: «Alberto Aquilani al fianco di Matteo Brighi contro i gunners? - aggiunge - Aquilani sta meglio, anche se sente dolore, però ci sono ancora tre giorni di tempo, ci potranno essere anche altre soluzioni, vediamo. Per Pizarro la diagnosi non è ancora stata fatta, aspettiamo di valutare prima di dire che non ci sarà».
Conclusione sulle proteste friulane per il fallo di mano in area di Philippe Mexes al termine del primo tempo: «Francamente il rigore poteva anche starci. Ma voglio anche aggiungere che ce n’era un altro a favore nostro, su De Rossi, dal campo almeno mi sembrava ci potesse essere». Il destino del nostro calcio? Mai una volta senza polemica.