Roma rinnovata contro il Parma Nonda in attacco

La Roma è sulla strada giusta, Spalletti è ottimista per il futuro. Nessun allarmismo per i quattro punti in tre giornate, basterà cambiare qualcosa in fase offensiva. E stasera contro il Parma all’Olimpico, dove la Roma non vince in campionato dal 20 febbraio scorso, in attacco potrebbe giocare Nonda all’attacco al posto di Montella. «È pronto per giocare dall’inizio, con queste partite ravvicinate i cambi ci possono stare e Montella per le sue caratteristiche si esprime al meglio a partita iniziata. In attacco di situazioni ne creiamo tante, possiamo e dobbiamo fare qualcosa in più». Ma Spalletti è soddisfatto della squadra. E probabilmente lo è anche la società, viste le richieste che ha rivolto all’allenatore. «Non mi è stato chiesto né di vincere lo scudetto, né di arrivare quarto, ma di ricreare un gruppo e una squadra. E in questo senso ci siamo, a Livorno ho visto un comportamento di squadra applicato con continuità. Dobbiamo insistere come stiamo facendo, ci sono situazioni che mi fanno ben sperare». L’ottimismo di Spalletti contrasta con il nuovo contrattempo, l’infortunio di Mancini, che si aggiunge agli stop di Cassano, Mexes e Chivu. «Non ci voleva, ma io mi fido anche degli altri». Il discorso scivola su Cassano e sulla sua situazione contrattuale: «Sono convinto che si risolverà, c’è voglia di farlo da entrambe le parti. Ora tutto è slittato perché il giocatore ha bisogno di curarsi». Chiusura con l’episodio arbitrale decisivo di Livorno: «Mi era sembrato che Vargas, autore del fallo di mano, avesse il braccio vicino al corpo. Poi rivedendo le immagini, ho pensato che Trefoloni avrebbe potuto ricevere un aiuto dal guardalinee. Ma il fatto che sia stato fermato, dimostra che di errore si è trattato».