Roma sempre più da record

Roma presenta oggi al mondo podistico il suo spessore con una maratona record: ancora lontane le grandi prove di Londra e New York, gli organizzatori romani voglio raggiungere quota 15.000 iscritti, che farebbero entrare la Maratona della città di Roma tra le top ten internazionali. Un traguardo abbastanza vicino ove si pensi che in questa 12ª edizione gli iscritti sono ben 12.308, un dato che polverizza letteralmente le precedenti edizioni, un record che gratifica ovviamente Enrico Castrucci, l’organizzatore principe e i suoi collaboratori. Infatti, se il traguardo delle top ten è rimandato al prossimo anno, di diritto grazie a questri numeri Roma entra le top venti maratone al mondo. Un bel successo...
Venendo alla prova, il via come sempre viene dato alle 9 in punto dai Fori Imperiali, il Colosseo alle spalle, in uno scenario di incomparabile bellezza. Un panorama che attira sempre più atleti stranieri richiamati anche dal tracciato che si snoda in una città il cui fascino è immortale. Gli stranieri in corsa sono ben 5092 e rappresenteranno 73 nazioni. Cinque hanno un solo iscritto alla partenza, altre hanno al via un gruppo incredibile di appassionati. Al comando di questa speciale e insolita «classifica» c’è dunque la Germania - 1126 corridori ai nastri di partenza -, seguita da Inghilterra - 603 gli atleti in mutandine e canottiera - e a seguire gli Stati Uniti, con soltanto 489 podisti pronti a scatenarsi lungo le strade della capitale. Per Turchia, Ghana, Isalanda, Bolivia e Isola di Santa Lucia, al contrario, un solo atleta ai Fori.
I concorrenti italiani in gara sono 7216, tra questi marito e moglie che potrebbero anche unire matrimonio e trionfi... Daniele Caimmi e Rosaria Console, marito e moglie, sono infatti tra i favoriti oltre che tra i migliori maratoneti italiani di sempre. Contro di loro sono ovviamente scatenati i soliti atleti di colore ma sognare non costa nulla e sarebbe fantastico vedere sul gradino più alto del podio due italiani, per lo più marito e moglie! Questo sì, sarebbe un record inavvicinabile per qualsivoglia altra maratona nel mondo.
Lo scorsdo anno la gara fu vinta da Alberico Di Cecco con un 2h08’02“ che è stato il terzo miglior risultato mondiale, dopo Chicago e Londra, come valore tecnico.
Percorso impegnativo, come sempre, con la parte finale in leggera salita e i sanpietrini «consueti» nemici dei corridori.