Roma senza Totti a riposo per il derby

Roma. Per la terza volta in questo torneo, Francesco Totti non sarà in campo. Stavolta la sciatalgia che lo affligge da settimane ha avuto la meglio e quindi il capitano dovrà saltare la trasferta di Bergamo. «Francesco non era nelle possibilità di giocare», liquida la questione Spalletti che dovrà fare a meno anche degli squalificati Mexes, Pizarro e Mancini. «Le due partite che ci aspettano (Atalanta e il derby con la Lazio, ndr.) saranno due finali, in ballo c’è il secondo posto che, per la nostra società e per il campionato disputato, vuol dire molto». Ma a Trigoria si parla molto del futuro, Spalletti si sbilancia a delineare i programmi del club. «Ufficialmente nessuno ci ha chiesto i nostri giocatori, ma noi vogliamo tenerli tutti e rafforzare la rosa». E a chi gli chiede se allenerebbe Adriano risponde: «Sì, mi piace lavorare con i grandi calciatori. Ma ciò non vuol dire che lo voglio alla Roma». Il tecnico giudica con scetticismo l’intercettazione telefonica, fra le carte dell’inchiesta di Napoli e pubblicata da Il Giornale, nella quale Raiola, manager di Mido, avrebbe affermato di essere in grado di creare problemi alla Roma. «Non è un procuratore che può metterci in difficoltà, loro possono dire quello che vogliono e noi facciamo come ci pare».