Roma, supporter in corteo contro la tessera del tifoso "Ora giustizia per Sandri"

I supporter protestano contro l’introduzione della tessera del tifoso, il provvedimento per la regolamentazione dell’accesso agli stadi. Prima che partisse il corteo, molti gruppi folti di tifosi sono arrivati in massa urlando slogan che chiedevano "Giustizia per Gabriele"

Milano - "Se i ragazzi sono uniti non saranno mai sconfitti". Dietro questo striscione è partito a Roma, da piazza Esquilino il corteo di ultras di diverse squadre di calcio italiane. I supporter protestano contro l’introduzione della tessera del tifoso, il provvedimento per la regolamentazione dell’accesso agli stadi. Tra i tifosi, diverse migliaia, ci sono i supporter di varie squadre come Lazio, Udinese, Roma e tante delle serie minori. Prima che partisse il corteo, molti gruppi folti di tifosi sono arrivati in massa urlando slogan che chiedevano "Giustizia per Gabriele" o "Gabriele è uno di noi", in riferimento al tifoso della Lazio ucciso. Gli organizzatori del corteo hanno distribuito ai manifestanti un volantino chiedendo di attenersi solo ai cori lanciati dal megafono, evitando così quelli delle proprie squadre e di non rilasciare interviste a nessuno. Al corteo, scortato dalle forze dell’ordine non ci sono bandiere di squadre ma molti manifestanti indossano magliette bianche con la scritta nera "No alla tessera del tifoso". Tra gli slogan, "Ultras liberi" e "I diffidati con noi". Il corteo raggiungerà piazza Bocca della Verità passando per via dei Fori Imperiali.