Roma: tenta stupro, viene linciato

Aveva tentato di stuprare una fornaia romana di 20 anni la sera precedente. S.S. albanese, classe 1985, senza fissa dimora, irregolare con precedenti alle spalle, ci ha riprovato. Questa volta però richiamata dalle urla della giovane che l’ha riconosciuto, una folla di gente si è avventata contro di lui fino a «linciarlo». Quando gli agenti della volante 10 della questura di Roma sono arrivati sul posto lo straniero era a terra in un lago di sangue, il volto tumefatto, i pantaloni già calati e un centinaio di persone intorno a lui pronte a evirarlo. Il fatto è accaduto in via della Magliana, zona di uffici, tra la via Portuense e l’autostrada per l’aeroporto di Fiumicino. Il precedente lunedì alle 20 e trenta. La ragazza, banchista in un forno, era alla fermata del 780 per tornare a casa. S.S. sale sul bus insieme a lei e comincia a palpeggiarla. Poi le stringe il braccio intorno al collo, la fa scendere all’Eur. Ma lei scappa e sporge denuncia alla polizia. Ieri quando il balordo le è ricomparso di fronte ha cominciato a urlare.

Annunci

Altri articoli