Desirèe, Raimo: "Salvini sciacallo, Raggi razzista"

Lo scrittore romano Christian Raimo attacca ancora: "Salvini va a San Lorenzo, minaccia, insulta, blatera, sciacaleggia al solito. Raggi proibisce la vendita di alcolici dopo le 21. Ecco che cos'è il grillismo a Roma, un'imitazione goffa del fascismo"

"Salvini va a San Lorenzo, minaccia, insulta, blatera, sciacaleggia al solito. Raggi proibisce la vendita di alcolici dopo le 21. Ecco che cos'è il grillismo a Roma, un'imitazione goffa del fascismo". Così Christian Raimo ha attaccato per la seconda volta le politiche del governo nazionale e capitolino.

"La miseria dell'ideologia pentastellata sta in questo, nell'avere paura delle idee, persino delle proprie", conclude il post del lo scrittore romano che, stamane, all'HuffPost aveva sostenuto che a causare la morte di Desirée era stata "la repressione". E, sempre nella stessa intervista, aveva aggiunto:"La battaglia non si combatte con misure sicuritarie e poliziesche. E, nel particolare, la faccenda dell'abuso di sostanze deve essere fronteggiata salvaguardando ed educando le persone, soprattutto i giovani". Secondo Raimo per i sedicenni è normale "cercare il conflitto, la ribellione, la trasgressione" e, perciò, più che la repressione "dobbiamo piuttosto pensare che, se c'è un problema di salute pubblica, quel problema va tutelato ed affrontato".