Roma, lancia pietra contro auto e tenta di aggredire donna: arrestato nigeriano

A Roma, un nigeriano ha scagliato un sasso contro un’auto nel parcheggio della stazione Tiburtina e, poi, ha tentato di aggredire la conducente del mezzo

È stata una domenica di paura quella vissuta da una automobilista nel parcheggio della stazione Tiburtina di Roma. La donna, infatti, è stata presa di mira da un immigrato nigeriano di 26 anni, regolare sul territorio nazionale, che prima ha scagliato una pietra contro la sua vettura e poi ha tentato di aggredirla.

A porre fine all’incubo ci hanno pensato i carabinieri che, giunti sul posto, hanno arrestato lo straniero. Il grave ed insensato episodio di violenza, terminato senza conseguenze per la donna, è accaduto nella mattina ieri in via Altiero Spinelli, all'uscita dello scalo ferroviario.

La vittima del folle gesto stava facendo manovra per parcheggiare quando si è trovata di fronte l’immigrato che, improvvisamente e senza alcun motivo, le ha tirato contro una grossa pietra, infrangendo il parabrezza.

Nonostante la paura, la donna è riuscita ad allertare il 112. I militari della Stazione Roma Nomentana, prontamente intervenuti sul luogo dell’aggressione, hanno individuato e fermato lo straniero. Quest’ultimo, però, è andato in escandescenza ed ha iniziato ad insultare la giovane, tentando anche di aggredirla.

Con non poche difficoltà, i carabinieri sono riusciti a bloccare definitivamente l’extracomunitario che è stato condotto in caserma per gli accertamenti del caso.

Dalle indagini è risultato che lo straniero è un 26enne nigeriano, regolare in Italia e con precedenti. Il ragazzo è stato arrestato con le accuse di danneggiamento aggravato e tentate lesioni aggravate. Nell’attesa del rito direttissimo, l’immigrato è stato trattenuto in caserma.