Roma Termini, picchia donna e aggredisce agenti della Polfer: in manette 22enne bengalese

La violenza davanti ai numerosi passeggeri presenti nella stazione di Roma Termini. Il giovane ha anche tentato di colpire i poliziotti con una forbice

Un doppio grave episodio di violenza si è verificato nelle score ore nell’affollata stazione ferroviaria di Roma Termini.

Un bengalese di 22 anni, senza un apparente motivo, prima ha preso a pugni una donna che si trovava nello scalo in attesa di un treno e poi, per sfuggire al fermo, ha aggredito gli agenti della Polfer, provando persino a ferirli con una forbice.

Tutto è accaduto improvvisamente. Lo straniero, mentre stava camminando tranquillamente nella stazione, si è avvicinato ad una viaggiatrice e l’ha colpita con dei pugni davanti agli occhi sconcertati delle numerose persone in attesa di partire.

Subito è scattato l’allarme. Il giovane, inizialmente, è stato bloccato dalle guardie giurate in servizio nello scalo e, successivamente, arrestato da una pattuglia della polizia ferroviaria accorsa sul luogo dell’aggressione insieme ai militari dell'Esercito.

L’immigrato, però, non si è calmato e, nel tentativo di divincolarsi, ha colpito un agente. Il 22enne ha anche estratto una forbice che aveva in tasca ma è stato bloccato.

Il bengalese, ammanettato, ora dovrà rispondere di resistenza e lesioni a Pubblico ufficiale e di porto di arma impropria.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 25/09/2019 - 23:32

Tutte "pacifiche" ste RISORSE che arrivano dal Bhangladesh!!! VEROOO!!! Che guerra c'è in quel paese per avergli sicuramente concesso l'ASILO!!! AUGH.

rino34

Gio, 26/09/2019 - 01:07

lavori forzati per vent'anni e poi espulsione

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 26/09/2019 - 08:43

Cribbio assumetelo come operaio generico ... in quattro e quattr'otto abbatterà tutti gli alberi pericolanti o dichiarati tali talsì da scongiurare in futuro ogni rischio per chi vi circolava sotto la loro chioma.