Rubavano accanto al bioparco: in manette due nomadi

I rom sono stati fermati dai carabinieri mentre tentavano di far partire un camper di proprietà di una turista finlandese, parcheggiato nei pressi del bioparco. A luglio i due malviventi avevano aggredito e derubato dell'auto anche un cittadino tedesco

Li hanno beccati mentre stavano armeggiavano con i cavi di un camper di proprietà di una turista finlandese, parcheggiato in via Pietro Raimondi, a due passi dal bioparco di Roma. Uno cercava di farlo partire, l’altro rovistava nelle borse a caccia di contanti, carte di credito e oggetti di valore.

Due nomadi, di 31 e 28 anni, disoccupati e già segnalati alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, sono stati fermati dai carabinieri della Stazione Roma Parioli e Viale Eritrea e portati in caserma con l’accusa di furto aggravato in concorso. Gli agenti sono stati allertati da una chiamata al 112.

Dagli accertamenti è poi emerso come rubare le auto dei turisti parcheggiate nei pressi del parco di Villa Borghese fosse una vera e propria abitudine per i due. L’identikit dei malintenzionati, infatti, corrispondeva anche a quello dei responsabili di un’aggressione, avvenuta lo scorso 23 luglio, ai danni di un cittadino tedesco. La modalità, sempre la stessa: stavano tentando di far partire l’auto parcheggiata in viale del Giardino Zoologico quando sono stati sorpresi dal proprietario.

I tre sono addirittura venuti alle mani, ma dopo la colluttazione i rom erano riusciti ad allontanarsi, sfuggendo alle manette. Ora però sono a disposizione dei giudici che li processeranno per direttissima.