La Romania fa arrestare a Genova il ladro impunito

Lui, Vasile Luta, 36 anni, è un pregiudicato rumeno che, in patria ha una condanna definitiva a quattro anni e l’emissione di un «mandato di arresto europeo successivamente internazionalizzato dal servizio Interpol di Romania». Così, prima di farsi catturare, ha pensato bene di lasciare la terra natìa e accasarsi in Italia, più esattamente a Genova Sampierdarena, dove ha vissuto per un po’ tranquillo e sereno. Tutto liscio, nell’ospitalissima terra di elezione, finché non si è rifatta viva l’autorità giudiziaria di Petrosani in Romania che ha chiesto alla polizia italiana di eseguire il mandato. A quel punto, i nostri poliziotti si sono mossi immediatamente. La cattura - specifica una nota della questura - è stata «resa possibile sulla scorta dell'attività informativa svolta dagli uomini della Sezione stranieri della Squadra Mobile che, con il prezioso supporto degli Organi di cooperazione internazionale, avuta certezza della condizione di latitanza assunta dal Luta, procedevano a mirati servizi di appostamento e pedinamento nei confronti di abituali frequentatori del ricercato». Che, in sostanza, è stato catturato in un appartamento in via Bottega 2 e portato dietro le sbarre. Cosa aveva fatto di tanto grave? Un furto. Solo che in Romania, i ladri, li cercano in capo al mondo. O a Genova.