In Romania Rus arrestato già tre volte

Giovedì notte Joan Rus, 37 anni, il cittadino romeno accusato di aver accoltellato e violentato una studentessa africana a Roma, ha fatto quello che nella criminalità comune viene chiamato «salto di qualità». Ha agito per la prima volta armato e con una violenza spropositata. Il ritratto del romeno, ora in carcere con l’accusa di tentato omicidio, sequestro di persona e violenza sessuale, viene tracciato in queste ore dagli investigatori dei carabinieri di Roma, ai quali sono arrivati tramite il consolato romeno i precedenti penali di Joan Rus: alcuni furti e la permanenza in carcere per tre volte, sempre in Romania. Non ha mai agito armato, sempre secondo le autorità romene, e non ha mai aggredito persone.