È un romano di 50 anni il clochard massacrato

Per avere la conferma gli agenti della squadra mobile attendono l’esame delle impronte digitali. Ma quasi sicuramente il clochard trovato morto, massacrato a bastonate, in un giaciglio sotto ponte Matteotti, sabato sera a pochi passi da piazza Mazzini, appartiene a un romano di circa 50 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine. La chiave del delitto va, dunque, ricercata nell’ambito delle frequentazioni dell’uomo, nella cerchia dei desperados che abitano le favelas lungo gli argini del Tevere.
Il barbone ha tentato di difendersi, ma è stato picchiato a sangue, malmenato con uno o più bastoni. Fino a piombare a terra, esanime. Una spedizione punitiva per un torto subìto? Una lite degenerata e finita in tragedia, magari per una banale motivazione? I poliziotti con i colleghi della Scientifica ieri mattina sono tornati sul luogo del delitto per un nuovo sopralluogo. Hanno cercato elementi, tracce, altri reperti utili alle indagini che la sera precedente, con l’oscurità e la pioggia battente, non erano riusciti a individuare.
Sotto il ponte che collega il quartiere Prati al Flaminio, il clochard aveva messo su una specie di «casa», con annesso una sorta di banco di lavoro per le piccole riparazioni. A trovare il cadavere, era stata una coppia di ciclisti che passando sulla banchina avevano notato quella specie di «fagotto» coperto da cartoni. Per il medico legale il clochard sarebbe stato ucciso quattro o cinque ora prima del rinvenimento. Non distante dal corpo erano sistemati alcuni bastoni, compatibili con la profonda ferita sul capo dell’uomo, il colpo mortale. Per ora il raffronto dattiloscopico è sospeso, in attesa che prima sia eseguita l’autopsia. Questo per non compromettere elementi importanti, nella speranza che nelle mani della vittima sia rimasta traccia che servirà a inchiodare l’assassino o gli assassini.