Il «romanzo» di Bassani per i giovani attori

L’immaginario di Bassani e il suo testo Il romanzo di Ferrara sarà il banco di prova per dieci ex allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico e del Centro Sperimentale di Cinematografia, selezionati attraverso un bando di concorso promosso in questi giorni (con scadenza il 30 agosto 2007).
Un progetto di spettacolo diventa l’occasione per Artisti Riuniti d’avviare un percorso formativo articolato, da condividere l’Ente teatrale italiano, con l’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico e con il Centro sperimentale di cinematografia, e patrocinato dal ministero per i Beni e le attività culturali, con il sostegno della Fondazione Giorgio Bassani. Lo spettacolo Il romanzo di Ferrara, che intende trasporre sulla scena il mondo dell’autore emiliano, offrendo uno spaccato della provincia negli anni ’30 e ’40, sarà firmato da Tullio Kezich e Piero Maccarinelli, e affiancherà al cast di cinque attori noti 10 nuovi interpreti, scelti e messi alla prova attraverso un percorso d’approfondimento del lavoro dell’attore, dalla teoria alla pratica. La messinscena della pièce è prevista dal 10 al 27 del mese di aprile 2008 al Palladium.
Ai giovani attori impegnati nel lavoro laboratoriale, saranno inoltre destinate borse di studio di 6mila euro che copriranno i quattro mesi di realizzazione di questo primo momento del progetto, che dà così il via alla concreta applicazione del protocollo d’intesa firmato dall’Eti con l’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico e con il Centro sperimentale di cinematografia, rivolto all’alta formazione.
Il bando è scaricabile dai siti internet www.enteteatrale.it; www.silviodamico.it; www.csc-cinematografia.it; www.teatro-palladium.it; www.teatrovalle.it.
\