Romba il rally di Monza: tra «Dottore» e «Grillo» in pista 10 titoli mondiali

Da ieri fino a tutta la giornata di domenica l'Autodromo di Monza è in festa per il Rally Show 2008, un classico appuntamento di fine stagione. Una festa alla quale, tra i molti «intrusi», stanno partecipando - divertendosi come bambini - due personaggi che poco hanno da spartire con il mondo dei rally. Due come Valentino Rossi e Paolo Bettini, che normalmente fanno parlare di sé in altre vesti, dato che in sella a due ruote - a motori il primo, a pedali il secondo - mettono assieme la bellezza di dieci titoli iridati: otto per il pescarese, due per il toscano.
Ma se per il «Grillo» di Cecina, fresco di ritiro dal mondo del pedale, è la prima esperienza al volante (farà da navigatore al campione europeo Luca Rossetti) per il «Dottore» non si tratta certo di un debutto. Valentino si mette sempre con piacere al volante in un rally, specie in quello di Monza, dove ha già vinto le edizioni 2006 e 2007. Appuntamento che il romagnolo userà per «scaldarsi» in vista della tappa del Mondiale Wrc che disputerà in Gran Bretagna il mese prossimo.
I due fenomeni dello sport azzurro non sono però gli unici estranei al mondo dei rally che prenderanno parte al trentesimo appuntamento con la kermesse monzese. Rimanendo in tema di ciclismo sono presenti anche il ct azzurro Franco Ballerini e Claudio Chiappucci, mentre Rossi è in buona compagnia di altri attori del motomondiale: oltre al campione del mondo 2008 con la Yamaha, il marchio del diapason presenta al via anche il suo compagno di scuderia Jorge Lorenzo e il team manager Davide Brivio. Insomma, sembra quasi di essere al via di un Gp iridato, dato che non sono voluti mancare all'appuntamento neanche Alex De Angelis e altri due personaggi particolarmente legati a Valentino Rossi: due amici (il neo iridato nella 250 Marco Simoncelli e l'onnipresente amico Uccio) e il padre Graziano, con un discreto passato da pilota di rally.
Non solo bici e motori, perché a completare il lotto dei partecipanti ci sono anche Tania Cagnotto e il giornalista tv Guido Meda. La tuffatrice partecipa come navigatrice sulla Subaru Impreza della scuderia Car Racing, per l'occasione decorata con le insegne dell'Associazione Donatori Midollo Osseo (Admo) di cui la giovane atleta bolzanina è testimonial. Il programma rallystico del fine settimana si articola su otto prove speciali, per un'estensione totale di circa 147 chilometri. Il clou sarà nel pomeriggio di domani, con il «Master Show», sfida a eliminazione diretta sul tracciato da un chilometro e mezzo disegnato lungo il rettilineo conclusivo dell'impianto di Monza. Oltre allo spettacolo garantito dalle auto un ampio spazio all'interno dell'autodromo è dedicato alla mostra fotografica che racconta i trent'anni della manifestazione